lunedì 26 agosto 2013

Crostata di crema cotta alle more di rovo...e non solo...






Giovedì scorso ho ricevuto un regalo davvero prezioso: delle magnifiche  more di rovo!

Non le ho pesate, ma saranno state almeno un paio di chili .
 
Naturalmente mi han chiesto cosa ne avrei fatto: DOLCI, naturalmente!
...bhè, la marmellata a casa mia non va consumata tanto,
e alla fine toccherebbe a me mangiarla, ma ha un difetto:
 FA INGRASSARE!
 
La mia amica mi ha spiegato che sua sorella aveva fatto la crostata di crema cotta
con ananas e lamponi di Montersino, usando le more,
 
 
 ma io, subito, mica ho capito che aveva sostituito anche l'anans con le more...
...uff...pensare che sono andata pure a comperare
l'anans sciroppato, che non avevo in casa...
Comunque è venuto carino e soprattutto, molto buono lo stesso!
 
ECCOLO!!!


La fetta
 
 



Quando finalmente ho capito,
mi sono messa immediatamente a fare quella con tutte more,
 tanto mi era avanzata la metà della frolla che avevo preparato per la prima,
e tutti gli altri ingredienti li avevo a disposizione...
Diciamo che mi sono molto ispirata alla ricetta di Montersino,
ma ho modificato le dosi, soprattutto dello zucchero,
che mi sembrava eccessivo, sia nella frolla che nella crema,
ho usato solo quattro tuorli nella crema
ed aumentato la quantità della fecola.

Ingredienti:
per la frolla (se ne usa la metà):
500 g di farina 00
150 g di zucchero
225 g di burro
4 tuorli e un uovo
un cucchiaino di aroma di vaniglia liquido
 

per la crema:
320 ml di latte intero
160 g  di panna
4 tuorli
180 g di zucchero di canna
80 g di fecola di patate
un cucchiaino di aroma di vaniglia liquido

inoltre: more di rovo q.b.

Per prima cosa ho foderato con carta forno una teglia da 22 cm di diametro,
la ricetta originale diceva 20 cm, ma io non ce l'ho....

Poi ho preparato la frolla,
 impastando velocemente il burro con gli ingredienti solidi
 e unendo poi le uova e l'aroma .
Ho formato la palla e l'ho lasciata riposare in frigorifero per una mezz'ora. 
 
Nel frattempo ho preparato la crema:
 ho mescolato latte, panna e aroma in una pentola ed ho cominciato a scaldarli.
 
 In una ciotola ho frullato con le fruste elettriche i tuorli con lo zucchero,
 per una decina di minuti,
ed ho poi aggiunto la fecola.
 
Ho poi versato  nella pentola con latte e panna,
 ormai giunti ad ebollizione,
 la montata di uova, zucchero e fecola che , essendo leggera, resta a galla.
 
 Quando ai bordi il latte in ebollizione ha cominciato a salire sopra le uova,
ho mescolato velocemente con una frusta:
 la crema è pronta.
 
Intanto che si intiepidiva, ho rivestito lo stampo con la frolla,
 ho ricoperto il fondo con le more ben lavate ed asciugate,



e ci ho versato sopra la crema intiepidita
 ( le ho dato una frullatina con le fruste elettriche per renderla bella omogenea),
ho livellato grossolanamente con una spatola di silicone.
 
 
 
 
Ho infornato a 220°C per quaranta minuti.
 Montersino dice 20 minuti, ma a me ne son voluti il doppio,
 per far colorire la superficie.
 
 
 
Ho fatto raffreddare la torta su una gratella, dopo averla sformata.
Ho lucidato la superficie del dolce con gelatina neutra
ed ho decorato con more,
 lucidate anch'esse con la gelatina.
 
 
 
 
 
 
 
 
Grazie, alla prossima!
 

12 commenti:

  1. Per non fare torto a nessuno ne mangerei una fetta del l'una e una dell'altra: pura meraviglia!!! Bravissima! Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Chiara! infatti sono buonissime entrambe!

      Elimina
  2. Ma vi siete messe d'accordo tu e Doretta a pubblicare insieme questa crostata?? deve essere buonissima, da provare!
    Ciao, Mafi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le more me le ha regalate lei!...effettivamente merita davvero, è buonissima!
      Grazie, Mafi!

      Elimina
  3. Mi sa che quella tua amica, non ti ha spiegato bene apposta... mi sa che è un pochetto str...
    Ma che amiche hai?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che ho avuto lo stesso sospetto?...lei dice che son rinco io...
      ...poi ho scoperto che ha pubblicato la stessa(più o meno) ricetta che mi aveva suggerito, un'ora prima di me...secondo me voleva prendere tempo...tu che dici?
      Grazie, Doretta, delle more magnifiche!

      Elimina
  4. HA! HA! HA! Siete due sagome! Comunque due splendide crostate, brava!

    RispondiElimina
  5. Ciao mi chiamo Tiziana trovo questo tuo blog molto interessante ed ricco di consigli utili in cucina e al tempo stesso molto elegante. Da oggi tua follower +g. Mi farebbe piacere se anche tu passassi da me per diventare mia lettrice fissa e regalarmi qualche consiglio per questa mia nuova avventura nel web. Ciao http://lacucinadipitichella.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tiziana, per i complimenti.
      Sono passata di corsa da te, anche il tuo blog è molto interessante, epoi, non si è mai finito di imparare.
      Appena riesco mi aggiungo ai tuoi follower, ma sono un po' imbranata...

      Elimina